Penetrazione aerodinamica

La capacità di un pallone di raggiungere velocità elevate dipende dalle caratteristiche della scia che si forma alle sue spalle. È infatti soprattutto la scia, con le sue distribuzioni pressorie interne, a decretare l’entità della resistenza che l’aria oppone alla sfera.

Le dimensioni della scia vanno a loro volta ricondotte al regime di moto che contraddistingue l’aria che lambisce il pallone, scorrendo dalla sua parte frontale verso i lati. Si tratta di una corrente fluida che risulta più o meno disordinata, in funzione delle caratteristiche superficiali della palla.

Le qualità superficiali del pallone sono date dai materiali impiegati nella costruzione, dagli sbalzi delle giunture, dalla curvatura e da eventuali solchi appositamente praticati.


Quattro domande:
  • Per quale ragione la scia vorticosa è predominante nel decretare la resistenza all’avanzamento del pallone?
  • In che termini la turbolenza del flusso che avvolge da monte un pallone condiziona la scia che poi si sviluppa a valle?
  • Come mai una superficie ruvida può possedere migliori qualità di penetrazione di una scabra?
  • Quali sono i principali problemi incontrati dai giocatori che si trovano a dover calciare palloni con capacità di penetrazione diverse?



Coefficienti di resistenza diversi. A identiche condizioni iniziali di lancio (peso, velocità e inclinazione) possono conseguire gittate più o meno lunghe. A cambiare sono le qualità superficiali del pallone che determinano le caratteristiche della scia vorticosa.







- effettocalcio.it - ideazione: roberto weitnauer - progetto tecnico mediajuicelab.it P.I. 03976590962 - 2010 tutti i diritti riservati -