Lo strato limite

Un fluido che scorra su un oggetto subisce il condizionamento della sua superficie solida. La perturbazione che si trasmette nel mezzo è all’origine di una serie di fenomeni, quali sono tipicamente i distacchi di vena e i vortici.

La maniera in cui le velocità di flusso si alterano è determinante nello stabilire i suddetti fenomeni. Le regioni fluide a ridosso del corpo sono naturalmente più alterate di quelle più distanti.

Agli inizi del 1900 fu ipotizzata la presenza di uno strato molto sottile di fluido caratterizzato da intense variazioni interne di velocità. Questo strato limite, oltre il quale il fluido è poco perturbato, è stato confermato. La sua concezione permette di risolvere e capire molti fenomeni aerodinamici.


A ridosso del corpo lambito dalla corrente si sviluppa uno strato sottile in cui le velocità variano intensamente dalla superficie verso l’esterno. Predominano qui gli effetti viscosi e la dissipazione energetica.







- effettocalcio.it - ideazione: roberto weitnauer - progetto tecnico mediajuicelab.it P.I. 03976590962 - 2010 tutti i diritti riservati -